mercoledì 14 luglio 2010

Quell'inquietante silenzio...

Ieri mattina la MammaFulminata si è presa addirittura il lusso di andare a fare plinplin senza spettatori, approfittando del fatto che 1) il Biscottino era tutto preso dai Teletubbies e 2) Isottona la bulldogga stava ancora russando placida sulla brandina.
Uno di quei momenti di rara beatitudine e tranquillità.
Il pargolo era stato momentaneamente lasciato "incustodito" sul seggiolone. 
Naturalmente legato come un salame, memore di un paio di tentativi di fuga.

La MammaFulminata, in bagno, procede a darsi una lavata.
Il Biscottino ancora non spiccica parola, ma è comunque un tipo ciarliero. Specialmente al mattino è tutto un Dede, Baba, Iaiaia, risatine e via dicendo.
"E pooooi silenzi", cantava Renato Zero.
Avete presente "quei" silenzi?
Quelli che teoricamente sembrano normali, ma quando si ha un nano in casa si sa benissimo che sono forieri di mille cataclismi? Ecco.
Poi, si sente uno strano rumore. Tak, Tak, Tak.
Come se qualcuno stesse mescolando il caffè. Rumore di tazza, precursore di rumore di cocci.

Immaginate ora la MammaFulminata che si PRECIPITA fuori dal bagno senza neppure asciugarsi il muso e si affaccia alla porta del salone. E trova il Biscottino (anche detto il Vandalo) seduto comodamente sul vassoio del seggiolone, che si è allegramente rovesciato addosso il contenuto di una zuccheriera (ovviamente appena riempita) e sta saggiando la resistenza del coperchio contro lo spigolo del tavolo. In un nano-secondo la MammaFulminata guadagna la pole position, agguanta il Vandalo e lo porta di peso sotto la doccia (ha zucchero anche tra i capelli) prima che decida ANCHE di provare a volare.
Lui, per tutta risposta, prima ride beato, improvvisando uno scrub allo zucchero su una pelle ancora perfetta (la sua), poi, rendendosi conto che sta per essere ripulito, protesta indignato per i biechi tentativi di sua madre di frustrare i suoi esperimenti.

Dopo aver eliminato tutto l'appiccicume, la MammaFulminata provvede a dare una pulita al seggiolone, sacramentando contro lo zucchero e contro se stessa, immaginando di aver allacciato male le cinghe del seggiolone (permettendo così la fuga dell'Impavido Biscottino), con i sensi di colpa che possono venire solo ad una madre.
E invece no. Cinghie allacciate, ed anche ben strette.

Mi sa che mio figlio è la reincarnazione di Houdini.

5 commenti:

  1. sappi che:
    1)le mie figlie si slacciano beatamente l'un l'altra dal seggiolino dell'auto;
    2)se fai l'errore di scaricarti la puntata sbagliata di pippi calzelunghe in cui la diseducativa bambina VOLA, tuo figlio tenterà di imitarla, con scarso successo.
    Ciao ;)

    RispondiElimina
  2. Hehe, in realtà il Biscottino ha già provato a volare un paio di volte, sempre dal seggiolone. La prima volta è atterrato nel cesto della lana, la seconda sul sederotto... Se non altro è capace di non cadere di testa! =)

    RispondiElimina
  3. Grazie Vale, per esserti unita al mio blog e per avermi messo nella blogroll!
    Ora curioso a casa tua! Anche se non posso darti consigli su come non far scappare un bambino da un posto sicuro, perchè io mi sento ancora quel bambino!
    :D

    RispondiElimina
  4. anche io mi sento spesso quel bambino... per questo non riesco (quasi) mai ad arrrabbiarmi con il Vandalo... ricordo troppe imprese della sua fulminatissima mamma! =)

    RispondiElimina
  5. Sei nella mia blogroll.
    E qui trovi un concorso per i miei lettori:

    http://giuliapassionejulez.blogspot.com/2010/07/giulia-passione-premi.html

    RispondiElimina